martedì 16 luglio 2013

E' ora online l'ebook "Come Aprire e Avviare un Bar" per realizzare il tuo sogno di aprire e gestire un bar

Vi pongo una domanda abbastanza semplice, ma al contempo indicatrice delle vostre aspettative in merito all'avviamento e alla gestione di un bar: per quale motivo volete aprire un bar?

Le risposte a questo quesito possono essere molteplici, ma, nella fattispecie, sono ascrivibili a tre:

1) Per i guadagni.

2) Per non avere un superiore e gestire in modo indipendente il proprio lavoro.

3) Per vocazione.

Dalle vostre risposte io, ovviamente, non posso valutare la cantierabilità e soprattutto l'andamento futuro della vostra attività, ma posso solo dirvi che se avete scelto come prioritaria la terza risposta, ovvero la vocazione, intesa come predisposizione naturale alla gestione di un Bar e quindi attaccamento, dedizione e piacere nello svolgere quel tipo di attività, siete sulla strada giusta. Ogni lavoro che viene svolto con passione e dedizione porta all'ottenimento di risultati eccellenti. Se volete aprire un locale solo per guadagnare o peggio per liberavi da un lavoro che non vi aggrada, siete sulla via sbagliata.

Molti di voi avranno sentito di voci inerenti guadagni stratosferici ottenuti da alcuni bar, ma posso dirvi che questi appartengono alla minoranza e all'eccezione: la maggior parte dei bar non guadagna così tanto, le spese sono elevate e i margini di guadagno spesso si attestano dal 15% al 25% del fatturato lordo. Il costo della manodopera, nel nostro paese, è estremamente alto e anche se riusciste a cavarvela da soli, in qualsiasi caso, l'impatto delle tasse sulla vostra impresa sarebbe sempre gravoso. Con questo non voglio scoraggiarvi ma solo avvertirvi che se volete aprire un bar per il solo guadagno, di desistere. Mettendoci passione, serietà, impegno, un'idea imprenditoriale originale e avendo una spiccata capacità di gestire i rapporti con la clientela, si possono realizzare, nel tempo, guadagni interessanti.

Ogni tanto, molti ragazzi con un progetto imprenditoriale, chiaccherando con Amerigo (coautore di questa guida), nel suo bar, gli espongono i loro sogni e le loro speranze. Non è raro trovare il ragazzo che sostiene che un suo amico che ha aperto un bar in periferia, fattura più di 1000 euro al giorno senza aver alcun dipendente. La realtà, invece, è che la maggioranza dei locali ubicati in zona periferica e con una clientela gestibile senza assumere personale, guadagnano, mediamente, dai 250 ai 350 euro al giorno, anche se fare una stima precisa è molto complesso in quanto bisognerebbe considerare la tipologia di prodotto e quindi il valore medio dello scontrino che generano. Ovviamente, un bar che si differenzierà di molto dai concorrenti e che saprà esaudire i bisogni di un buon target di clientela potrà fatturare anche più di 500 euro al giorno.


Vi piacerebbe aprire un bar ma non sapete da dove iniziare? Questa è una guida passo-passo per realizzare il vostro sogno.

Il manuale spiega, in modo semplice ma esauriente, come sviluppare da zero l'idea imprenditoriale attraverso un accurato Business Plan, come ricercare i finanziamenti (anche a fondo perduto) per avviare l'attività, le differenze, con i pregi e i difetti, delle principali società costituibili, come cercare il fondo commerciale per la vostra attività, le normative a cui adempiere per l'apertura del bar e infine l'essenziale aspetto del marketing e della pubblicità.

Questa guida è adatta a chiunque voglia realizzare il proprio sogno di aprire un bar.


ACQUISTA ORA NEI FORMATI:


Disponibile da domani anche nel formato EPUB in tutte le migliori librerie online.

Nessun commento:

Posta un commento